Power Chihuahua

Il World Press Freedom Index 2017 di Reporters sans Frontieres


video by Francesco Frongia

La classifica dei paesi per libertà di stampa vede l'Italia posizionarsi al cinquantaduesimo posto nel 2017, preceduta da paesi che nella comune percezione sono visti come meno sviluppati economicamente, politicamente o culturalmente quali Jamaica, Costarica, Slovacchia, Ghana, Namibia, Slovenia, Burkina-Faso, Belize, Romania, Botswana... C'è di sicuro qualcosa di sbagliato, tanto nell'opinione che abbiamo di questi paesi quanto in quella che abbiamo di noi stessi, ma evidentemente è necessario comprendere i criteri che concorrono alla creazione di questa particolare classifica.

Anzitutto ad occuparsi di raccogliere ed analizzare i dati è l'O.N.G. Reporters Sans Frontieres che si occupa della libertà del giornalista inteso come professionista, e quindi molto orientata a valutare i rischi di incolumità fisica (legati a minacce da organizzazioni criminali o terroristiche) e legale (diffamazioni, licenziamenti) del giornalista nell'esercizio del proprio mestiere. Con un questionario diffuso presso gli operatori del settore stampa l'organizzazione raccoglie informazioni su 7 macroaree: pluralismo, indipendenza dei media, contesto e autocensura, legislatura, trasparenza, infrastrutture e abusi, dati che poi vengono intrecciati con i casi di attentato, minaccia, arresto o licenziamento di giornalisti in modo da arrivare ad un giudizio complessivo del clima in cui opera un professionista dell'informazione in un dato paese.

Naturalmente se vi è un forte squilibrio nella proprietà degli organi di informazione, ed il personale che vi è addetto è stato selezionato anche per appartenenza politica e fedeltà alla linea editoriale, beh, in questo caso non si evincerà che una certa difficoltà da parte di chi non è schierato a trovare spazi, e la disparità di mezzi renderà poco ascoltate e poco autorevoli le voci dissenzienti. Ma è un fenomeno difficile da misurare...

Il Chihuahua, con le sue modeste dimensioni ed il suo carattere irritabile è da sempre un simbolo dell'atteggiamento comunemente classificato come "vorrei, ma non posso". Se un tempo la stampa libera era chiamata il "Cane da Guardia del Potere", oggi si potrebbe assimilare più al suo Chihuahua...

Musica ex Machina

Art for BURP

About BURP